Idratazione cutanea

Idratazione cutanea: scopri i 3 fattori fondamentali

Per un’adeguata idratazione cutanea è intanto indispensabile la presenza di acqua, poi bisogna che questa giunga alla pelle e che, una volta lì, vi rimanga. Vediamo come.

L’idratazione è un toccasana per la nostra pelle. È ormai dimostrato che una pelle ben idratata resiste meglio agli assalti del tempo e soprattutto all’odiosa azione delle rughe.

Ma è davvero sufficiente bere molta acqua per avere una pelle idratata?

Tutti ci siamo sentiti dire che bere un’adeguata quantità d’acqua è importante per il nostro organismo, specialmente d’estate. Ed in effetti, avere un buon livello di acqua corporeo è fondamentale anche per il benessere e l’idratazione della pelle. Uno studio svedese del 2013, ad esempio, ci mostra che riducendo il livello di idratazione corporea, diminuiscono lo spessore e l’elasticità della pelle.

Ed eccovi già pronti con la bottiglietta nello zaino e con il nuovo proposito di fare il vostro pieno di acqua quotidiano. Bravi, ma c’è un “però”! Anzi due!!

Probabilmente rimarrete stupiti dal ruolo, ampiamente sottovalutato, che rivestono i lipidi (grassi) nel processo di idratazione cutanea. Ma andiamo per gradi.

Affinché l’acqua che viene introdotta nell’organismo possa davvero fluire fino alla pelle, è necessario che nella pelle stessa siano presenti delle sostanze che attraggono l’acqua! Questi sono i cosiddetti agenti igroscopici (o umettanti). Tutti ne conosciamo almeno uno, il più famoso, l’acido ialuronico. Ma anche il glicerolo ed il sorbitolo sono tra questi. Queste sostanze sono infatti in grado di attrarre acqua.

Quindi, ricapitolando, per una pelle idratata c’è bisogno sia (1) di bere acqua, sia (2) che questa venga poi attratta nella cute.

E quindi cosa c’entrano i lipidi (grassi) nel processo di idratazione cutanea? E cos’è l’idratazione indiretta?

In realtà il processo di idratazione cutaneo è molto dinamico. Una volta arrivata nella pelle, l’acqua si diffonde nei vari strati, dall’interno verso l’esterno, e gradualmente evapora dallo strato corneo (quello più esterno). In pratica, il livello d’acqua nella pelle tende naturalmente ad abbassarsi. Gli esperti lo chiamano “Transepidermal Water Loss” (ossia: perdita d’acqua transepidermica).

Ed ecco finalmente i nostri lipidi intervenire: la perdita d’acqua transepidermica viene regolata e limitata dalla presenza di una barriera cutanea, formata appunto, principalmente, da lipidi (è questo il famoso film idrolipidico). Questo fenomeno è anche detto idratazione indiretta, in quanto non attrae l’acqua, ma ne inibisce la perdita.

In sintesi: avete diligentemente bevuto 1,5-2,0 litri d’acqua al giorno, la vostra pelle produce regolarmente acido ialuronico e glicerolo (e voi, che tanto tenete alla vostra pelle, vi aiutate anche con dei cosmetici che li contengono), ma senza un adeguata presenza di grassi, il vostro film idrolipidico non riesce a formarsi e rischiate comunque di finire con una pelle disidratata.

E allora, come mantenere un film idrolipidico sano ed efficiente?

In primo luogo, è bene evitare di lavare troppe volte la pelle o utilizzare acqua eccessivamente calda. Vanno poi evitati tutti i detergenti aggressivi che contengono, ad esempio, SLES o SLS (Sodium Lauryl Sulfate e Sodium Laureth Sulfate) ed i lavaggi troppo frequenti. Occhio quindi all’etichetta!

Queste pratiche, infatti, spazzano via il film idrolipidico, con l’ulteriore effetto collaterale che le ghiandole sebacee si attivano ed iniziano a produrre sempre più sebo nel tentativo di ripristinare la barriera.

In secondo luogo, potete aiutare la pelle con delle creme che contengano un’adeguata componente lipidica. Ad esempio, l’olio d’oliva è altamente dermo-compatibile e contiene le principali sostanze necessarie alla formazione del film idrolipidico (ad esempio l’acido linoleico). Per scoprire di più sulle proprietà cosmetiche dell’olio di oliva, clicca qui.

Questo è tra l’altro uno dei punti di forza del nostro Olio Elisir Anti Aging Omphacion®, che grazie allo straordinario contenuto di olio estratto da olive acerbe e all’acido ialuronico, contribuisce sia ad attrarre acqua nella pelle, sia alla formazione del film idrolipidico.

Adesso non avete più scuse per non mantenere una pelle più giovane ed idratata!

Carrello
Scroll to Top